TrustPilot: il potere dei recensori virtuali sul mercato reale

TrustPilot: il potere dei recensori virtuali sul mercato reale

Sembra un gioco di parole ma è proprio così, oggi le recensioni virtuali influenzano il mercato reale più di qualunque tipo di pubblicità. TrustPilot è uno dei recensori virtuali più potenti del web, è un sito internet che raccoglie che esperienze degli utenti su tutte le aziende del mondo.

“A volte è un piacere complimentarsi con una compagnia per i prodotti acquistati o per i servizi ricevuti.
Altre volte è nell’interesse della comunità, condividere le esperienze negative.
Personalmente quando non conosco un sito, spesso vado a verificarne la serietà/qualità su Trustpilot.
Cosi si evitano brutte sorprese e si può procedere tranquillamente negli acquisti”

Questa è la recensione di un’utente di TrustPilot che recensisce proprio il sito di recensioni, per far capire il tipo di rapporto che gli utenti hanno con il sito. TrustPilot ha conquistato la fiducia di molti internauti proprio per la facilità di utilizzo e per l’affidabilità dei commenti fino a diventare oggi il numero uno tra i siti del suo genere, con una media di un milione e duecentomila recensioni al mese.

Cos’è TrustPilot ? Come abbiamo detto è un sito di recensioni on line, un po come se fosse il Trip Advisor delle aziende. Il sito è stato fondato in Danimarca nel 2007 e da allora ospita sulle proprie pagine circa un milione e duecentomila recensioni al mese. Una bibbia per i consumatori e un grosso aiuto anche alle stesse aziende che grazie a TrustPilot possono in ogni momento monitorare la propria popolarità tra i consumatori e farla crescere sempre grazie ad una gamma di servizi premium dedicati proprio a loro.

Abbiamo condotto una ricerca sull’indice di gradimento delle grandi aziende proprio sul popolare sito e abbiamo rilevato non poche sorprese sia in positivo che in negativo. Abbiamo notato che ci sono aziende che confermano la propria reputazione anche su TrustPilot grazie alle recensioni positive degli utenti ed altre che invece ricevono meno gradimento e risultano inevitabilmente bocciate.

Sul Internet i piccoli marchi si danno maggiormente da fare mentre le aziende considerate “BIG” a volte toppano clamorosamente. C’è chi piace ai propri clienti come la multinazionale inglese produttrice di sex toys Ann Summers che ha aumentato i suoi guadagni del 230% grazie alle recensioni o come l’ azienda americana di sistemi di sicurezza VIVINT a pari merito in testo alla classifica che fa affari d’oro grazie al consenso su internet, ma c’è anche chi piace un po meno.

Apple e Benetton sono due casi emblematici di aziende non soddisfano gli utenti di TrustPilot. Tra i casi di aziende che non hanno successo su TrustPilot ci sono queste due grandi multinazionali che non riscontrano le recensioni positive degli internauti. Benetton, ad esempio, riceve poche recensioni ed è valutato per di più con il voto “scarso” a pari merito con Apple che però ha alcune recensioni in più. 

Del “Caso Benetton” se n’è occupato anche l’ UNIONE DEI COMMERCIANTI BISTRATTATI dedicando un articolo sul proprio blog Ucb Family che potete leggere cliccando qui

menu
menu