Aprire una lavanderia automatica

Aprire una lavanderia automatica

Aprire una lavanderia è una scelta importante che permetterà di cambiare la vostra vita un punto di vista economico. Con una spesa che si aggira sui 50mila euro circa per un’attività medio-piccola, si avrà l’opportunità di avere dei guadagni superiori anche al 35% dei ricavi annuali. La lavanderia self-service, riuscirà a garantire guadagni costanti con un poco lavoro e dei costi comunque contenuti. Una cosa importante è però trovare la location giusta, in modo tale da farla diventare un’attività molto redditizia. La lavanderia a gettoni è un’attività che permette di creare il business adattoalle proprie esigenze e può generare più o meno ricavi, in base all’orario di apertura, la qualità del servizio offerto e anche a quanto è grande il negozio. Vediamo come bisogna fare per aprire una lavanderia che possa essere trasformata in un’attività di successo ponendo alcune domande a Fausto Tronci, agente di vendita presso Speed Queen Italia.

Quali sono le prime basi per aprire una lavanderia a gettoni?

La lavanderia automatica richiede la necessità di aprire una partita IVA, iscrivere la propria attività presso il registro delle imprese della Camera di commercio competente. Inoltre, bisognerà anche avere una struttura di iscrizione che abbia lo scarico fognario a norma ed inoltre, possa anche avere l’autorizzazione dell’ASL ,da un punto di vista igienico. Una volta verificate tutte queste condizioni, bisogna aprire le posizioni INPS e INAIL presso gli enti competenti e, se si decide invece di intraprendere l’attività di lavaggio a secco, serve fare comunicazione all’agenzia regionale per la protezione dell’ambiente (Arpa), così che si tratti di un’attività verificata con i criteri della normativa vigente. Con la lavanderia a gettoni si avranno però dei costi fissi e quindi bisogna fare in modo che si valutano tutti gli stipendi, la manutenzione, i costi di acquisto del detersivo e di tutte quelle che sono le utenze, talvolta abbastanza dispendiose, in un settore di questo tipo.

Quanto costa aprire una lavanderia automatica?

Una lavanderia automatica dà l’opportunità di fare queste attività nel miglior modo possibile perché i macchinari sono sempre molto pratici, veloci e ricchi di innovazioni tecnologiche. Una lavanderia di questo tipo, richiede però di acquistare macchinario come lavatrice e asciugatrice, distributore di sapone dispenser e tutto quello di cui si ha bisogno. In più, bisogna gestire i costi fissi, un sistema di allarme, insegne e altri tipi di macchinari che servono per azioni di controllo oppure per fare servizi extra.

Quanto si può guadagnare con una lavanderia automatica?

La lavanderia ha un meccanismo di guadagno che dipende da una serie di fattori. Innanzitutto, è opportuno avere più servizi a disposizioni, in modo di riuscire a guadagnare molto. Inoltre, è fondamentale riuscire a guadagnare attraverso un orario h24, con la scelta della location che si trovi in un luogo dove le persone possono avere effettivamente bisogno di questo tipo di servizio. Bisogna fare attenzione alle spese fisse come quella del gas, delle fognature, acqua, energia elettrica nonché stipendi, rifornimenti ed assicurazioni. In generale però si riesce a guadagnare il 35% rispetto al totale. Un’altra cosa importante è optare per un business plan: prima di intraprendere un’attività di questo tipo, è bene avere tutte le spese chiare nonché anche le possibilità di guadagno. Per ammortizzare i costi di apertura, un altro consiglio è quello di aderire ad un franchising, in modo tale da riuscire ad ammortizzare le spese iniziali.

A fronte di queste informazioni sembra che l’idea di poter investire i propri risparmi nell’apertura di questo tipo di business potrebbe portare diversi vantaggi sia nel medio periodo che breve periodo e che in un periodo storico super tecnologico nel fare business non bisogna mai dimenticare quelle attività maggiormente tradizionali e quotidiane.

menu
menu