Aprire una lavanderia automatica: modalità e consigli

Aprire una lavanderia automatica: modalità e consigli

Se sognate di investire i vostri risparmi ed aprire una lavanderia automatica, sappiate che si tratta di qualcosa di impegnativo, che richiede tempo e denaro.
Già dall’inizio sarà davvero difficile capire quali solo le decisioni e le strategie da utilizzare, per portare al successo la propria attività. Per questo motivo, risulta essere necessario progettare, grazie ad un team di esperti, un business plan per lavanderia automatica. Grazie alla Dry-Tech Srl adesso tutto ciò è possibile.
Entrando nel dettaglio, vi spiegheremo cos’è un business plan e come verrà preparato il vostro personale business plan.

Cos’è un business plan?
Quando si vuole dare vita ad una nuova impresa è indispensabile studiarne punti di forza e punti di debolezza, valutare rischi e opportunità, per comprendere al meglio il campo dell’imprenditoria.
Quando si parla di business plan, si intende la pianificazione e la valutazione di quelle che saranno le strategie e le decisioni che si intendono mettere in atto in futuro.

Possiamo dire che permette di simulare, tenendo conto di molteplici circostanze, ciò che si può ottenere in una determinata situazione, ancor prima di viverla.
Può essere considerato uno strumento dinamico, che cambia e si evolve insieme alla propria impresa.
Per quanto possa sembrare complicato, costruiremo un business plan personalizzato, monitorando passo per passo la vostra impresa.
Sarete seguiti dal primo giorno di pianificazione fino al primo giorno di apertura dell’impresa.

Come si prepara un business plan per lavanderia automatica?
Per la costruzione del proprio business plan, occorre pianificare nel dettaglio varie fasi, che risultano di fondamentale importanza per avviare la propria attività di lavanderia automatica.
La prima fase, consiste nella valutazione dell’area scelta per la collocazione della propria attività.
Vi sono diversi criteri da rispettare, infatti, è preferibile scegliere una zona in cui è facilitato il passaggio, non solo di pedoni, ma anche di auto e moto e che sia anche assicurata la possibilità di trovare parcheggio; una zona che non richieda costi elevati per quanto riguarda l’affitto.

Bisogna anche la valutare la presenza di attività concorrenti all’interno dell’area e dei servizi che essi offrono.
Se tutti questi criteri, sopra elencati, non possono essere soddisfattati è consigliabile cambiare zona.
Una volta individuata la zona, si passa alla seconda fase che consiste nella valutazione del locale, pianificando possibili costi di ristrutturazione, oltre che dei macchinari necessari per una lavanderia e per la loro alimentazione.

Nella terza fase si ha la pianificazione degli spazi e quindi della disposizione dei vari macchinari per rendere il locale oltre che a norma di sicurezza, anche un posto bello e attraente, che metta a proprio agio la clientela.
Nell’ultima fase, la più importante, si metteranno, nero su bianco, i profitti e i costi della lavanderia automatica.
Dopo di ciò sarete pronti a dare il via ai lavori e iniziare con la vostra attività.

Una volta aperta la vostra lavanderia automatica, non vi resterà che far conoscere la vostra attività per farla crescere sempre di più e in caso di necessità, vi sarà possibile avere il nostro aiuto per l’assistenza dei vostri macchinari.
Quindi se sognate di aprire una lavanderia automatica, adesso sarà più facile!

menu
menu