Amministratore di condominio: conosciamo meglio questa figura

Amministratore di condominio: conosciamo meglio questa figura

L’amministratore di condominio è un figura che, nel corso del tempo, ha assunto sempre maggiore rilievo al fine di garantire la regolare gestione delle parti comuni di un edificio con molti appartamenti. La posizione dell’amministratore di condominio, oggi, è regolata da norme apposite contenute nel nuovo Codice del Condominio del Codice Civile. In esso, viene anche regolata la posizione specificando che può essere anche una figura giuridica oltre che persona fisica, come lo è stato per moltissimo tempo. Cbamministrazioni.it ne è un esempio: un team di professionisti qualificati e aggiornati svolge le funzioni di amministratore secondo le più recenti norme vigenti in materia. 

Professione amministratore di condominio: requisiti

Per poter praticare la professione di amministratore di condominio sono previsti precisi requisiti elencati nel nuovo Codice Civile. La figura nel corso del tempo, infatti, si evoluta fino a diventare un punto di riferimento nella gestione degli edifici con più di otto condomini. La sua preparazione deve essere multi-sfaccettata in quanto notevoli sono gli ambiti in cui deve operare. Le leggi sono sempre varie e mutevoli e così deve essere la sua formazione caratterizzata da continui aggiornamenti in ambito fiscale, giuridico, edilizio e ambientale. Inoltre, come precisa www.cbamministrazioni.it, l’amministratore di condominio deve completare la sua preparazione con doti di onestà, precisione, lealtà, integrità e, soprattutto rispetto per condomini, colleghi, utenti e mandanti. Tornando a quanto detta il codice civile, bisogna precisare che è necessario possedere un diploma di maturità e aver frequentato dei corsi di formazione che forniscano la preparazione adeguata in materia di urbanistica, gestione spazi comuni, edilizia, contabilità e fisco. 

Formazione e competenze

La formazione dell’amministratore di condominio, quindi, non viene lasciata la caso ma è regolata da norme a riguardo che ne definiscono in modo preciso gli aspetti. La funzione di questa figura è particolarmente importante vista la complessità delle questioni che possono nascere dalla condivisione di parti comuni sia tra condomini che tra condomini e terze parti. La formazione dell’amministratore di condominio non si esaurisce solo attraverso la frequenza di corso abilitante, ma continua giorno dopo giorno attraverso aggiornamenti annuali obbligatori certificati da altrettanti attestati. CB amministrazioni precisa, inoltre, che il possesso della certificazione in conformità alla Norma Uni 10801 garantisce l’alto standard del servizio offerto, in termini di trasparenza e credibilità, ma soprattutto coerenza tra enunciato e operato. 

Amministratore di condominio: obblighi e responsabilità

Nel momento in cui i condomini si affidano all’amministratore ripongo nella sua persona, sia fisica che giuridica, tutta la fiducia per la perfetta gestione delle problematiche inerenti l’edificio e i rapporti tra coloro che vi abitano. Da ciò si evince, quindi, che l’amministratore ha dei precisi obblighi e delle responsabilità cui deve attenersi per svolgere in maniera deontologica la professione. Alcuni di essi possono essere brevemente riassunti attraverso l’esperienza della www.cbamministrazioni.it che lavora costantemente al fine di garantire la soddisfazione del cliente:

  • Contatto diretto senza interposizione di segreteria;
  • Rapida esecuzione delle delibere assembleari e delle opere di manutenzione;
  • Sopralluoghi costanti per verificare lo stato degli edifici e la buona esecuzione di eventuali lavori di manutenzione;
  • Contatti con imprese qualificate e certificate;
  • Redazione di capitolati di appalto chiari e precisi;
  • Redazioni di bilanci annuali con l’indicazione dei versamenti e delle spese condominiali;
  • Una gestione informatizzata del condominio in modo che i condomini possano accedervi per verificare la situazione dei versamenti, dei pagamenti, delle spese e di tutto quanto concerne la gestione comune.
menu
menu